Attività: Visita Premana

Visita Premana

continua

Storia di Premana

Bisogna premettere che una serie di indizi significativi permettono di reputare che il sito attuale di Premana non corrisponda al luogo o i luoghi ove sostarono stabilmente i primi abitatori di questi luoghi.

La tradizione locale tramandata da lungo tempo vuole l’antico abitato più a monte, in direzione della Val Fraina, nell’area denominata ” el Piazz “. Qui effettivamente si rilevano ruderi di costruzioni antichissime, visibili i resti di un edificio dalle notevoli proporzioni. I vecchi alpigiani della Rasga ricordano ” la Piazze de la Gergiöle Vége “, cioè il posto dove sorgeva l’antico luogo di culto.
Il borgo di Premana nel posto in cui si presenta oggi nacque sul finire del terzo secolo dopo Cristo come avamposto romano con funzione di ” borgo baluardo “...

continua

I LÖÖCH

In dialetto premanese i maggenghi si chiamano LÖÖCH,  e costituiscono un patrimonio storico rilevante del territorio.

I LÖÖCH  sono quei nuclei concepiti per poter praticare le attività agricole e pastorali, spesso non distanti dal paese, facilmente raggiungibili in tutte le stagioni.  I diversi agglomerati possono raggiungere decine e decine di abitazioni.

La loro origine è legata al frazionamento della proprietà, alla non disponibilità di terreni utili al sostentamento degli abitanti concentrati in una unica area e alla conseguente necessità di utilizzare zone coltivabili poste a diversa distanza fra loro...

continua

Girar per Lööch

(1) ALLE FALDE DEL MONTE LEGNONE

PREMANA-GORLE   a)  CASEL – PREMANA

                                          b) ZÜCH – GIANEL e ritorno

Tempo Dislivello
Premana – Casel 40 min. 170 m
Premana – Gianel 45 min. 190 m

L’itinerario si snoda dall’imbocco della via Monte Legnone, dove notiamo subito la piccola cappella di S. Bernardino, già documentata nei primi del ‘700. Edicole e cappelline come questa, si noterà, sono disseminate lungo tutti i sentieri del territorio premanese: alcune sono alquanto antiche e ne è testimoniata la presenza in epoche vicino al 1000. Il primo nucleo di rustici che incontriamo appena fuori dall’abitato, alla nostra destra, è PIRLE...

continua

Linea Cadorna

Territorio di Premana e Valvarrone

Fortino della Linea Cadorna alla Bocchetta di Trona successivamente trasformato in chiesetta

Il tratto orobico della linea difensiva Occupazione Avanzata Frontiera Nord (OAFN o anche «Linea Cadorna») presenta le tipiche caratteristiche della fortificazione campale di montagna: imprese e maestranze civili con l’ausilio di manodopera militare della Milizia Territoriale realizzarono, utilizzando la pietra locale a secco, chilometri di trincee, piccoli ricoveri scavati faticosamente in roccia, piazzole e caverne per mitragliatrici ed ampi sbarramenti di filo spinato...

continua

La Via del ferro di Antonio Bellati

Mi è stato chiesto di rappresentare la Valsassina a questo convegno… Ma io non sono che un dilettante… Non volendo comunque sottrarmi all’impegno, ho cercato di alleggerirlo. E dunque ho deciso che farò semplicemente la guida, o meglio il “cicerone”, lungo un’ipotetica “Via del ferro” immaginando i miei ascoltatori degli ipotetici turisti-visitatori, appassionati, più o meno esperti in materia.

Tale via potrebbe partire da Lecco, salire in Valsassina e quindi in Valvarrone… Io però vi condurrò solo lungo l’ultimo segmento di questa via e cioè, come scrive l’Arrigoni, lungo “la strada Provinciale di 19 km. che, partendo da Cortenova, sale a Piazzo e segue il Varrone fino al suo principio, cioè alle miniere del monte Varrone”...

continua