Attività: Newsletter

NEWSLETTER 0TT0BRE 2018 del MUSEO DI PREMANA

Il 13 – 14 ottobre 2018 il Museo di Premana insieme alle altre associazioni del paese, gestite dalla Proloco locale, ha partecipato alla messa in opera della manifestazione PREMANA RIVIVE L’ANTICO. In questi due giorni il paese rivive la vita com’era 80 – 100 anni fa. Manifestazione coinvolgente, sempre di grande successo.

Di grande impatto pedagogico per le giovani generazioni che vivono momenti storici, economici e sociali completamente diversi. 

Un progetto a cui il museo collabora ha per titolo LUCI D’INVERNO, RACCOLTA E DIGITALIZZAZIONE DI FILM AMATORIALI. La raccolta è rivolta ai possessori di pellicole amatoriali in formato 9,5mm. Pathè Baby,16 mm., 8 mm., super8 riguardanti il territorio lecchese...

continua

Nel mese di giugno il museo ha organizzato tre serate di laboratorio riguardante gli antichi lavori femminili.

LA PEZZE, la caratteristica pettorina che le donne di Premana portano al petto con il vestito tradizionale per il matrimonio: il MORÈL e con il vestito più antico: IL VESTIDÉL.

LA ŚBARÀJE, ovvero la frangia che contorna i foulard da spalla.

OL CRESPÀA, cioè l’arricciatura, la plissettatura che restringe al polso le ampie maniche e al collo la camicia, arricchita di disegni e figure geometriche. Accessori indispensabili al costume tipico.

Sabato 7 luglio il Museo va in gita a Bergamo – cantoniera San Marco. Al mattino passeggeremo per Bergamo Alta, visiteremo il Duomo e la Cappella Colleoni, seguiremo le antiche mura veneziane, patrimonio UNESCO dal 2017...

continua

APERTURA 2018 MUSEO ETNOGRAFICO

Anche quest’anno il MUSEO ETNOGRAFICO DI PREMANA apre in occasione del Lunedì dell’Angelo 2 aprile, resterà aperto fino a fine ottobre con i seguenti orari :
Tutte le domeniche e festivi 10/12 e 15/18
Tutti i mercoledì mattina 10/12

Aperture straordinarie per gruppi e scolaresche su prenotazione

Quest’anno proponiamo per gruppi di almeno 10 persone e su prenotazione, visite al centro storico di Premana, dove si può ancora vedere l’architettura tipica di un ” borgo baluardo “, un borgo nato nel terzo secolo per difendere le strade che da Milano portavano a nord. Le case a ” cortina continua ” a formare il muro di difesa, i sottopassi di uscita ed i sovrappassi dove la popolazione poteva camminare in sicurezza in caso di pericolo. I vicoli stretti facilmente ostruibili...

continua